Hacked By KingSkrupellos CyBeRiZM.OrG Digital Security Technological Turkish Moslem Army

Restauro - Mosaico

domenica 22 febbraio 2009, di M. Trentin

L’opportunità di entrare nel percorso, sia interpretativo che applicato della visione estetica del passato, è stato la conferma per una costruzione solida della mia fondamenta conoscitiva del Meraviglioso Mondo dell’ARTE.

L’impatto con l’esperienza francese, nell’Arte Moderna, ha permesso di comprendere il linguaggio di una possibile esperienza formativa all’interno dell’Arte stessa ed il ritorno in Italia, ha comportato di affrontare una diversa Realtà Estetica. La predominanza visiva e quantitativa e la ricchezza del nostro patrimonio Culturale nel territorio, permette di avere una differente impostazione strutturale di Conoscenza della Visione. Questo aspetto fa si che un preciso ideale di Bellezza diventi per noi e la nostra Cultura, un Modello Autoritario. Ciò comporta la continua discordanza tra il Passato ed il Presente. La conseguenza di questa errata visione della Realtà dell’Arte, è la completa acquisizione di una conoscenza confusa ed insipiente, ormai radicata nel concetto culturale nella stragrande maggioranza degli individui nella società. Diviene quindi naturale ignorare questo pregiudizio e cercare invece di trovare il nesso che permetta di valorizzare il linguaggio a loro comune che in seguito permetterà di aprire nuove opportunità nella Realtà dell’Arte. Quindi ogni percorso creativo necessita di una conoscenza sia del presente che del proprio passato, ricavando da esso il segreto di ogni potenzialità. L’esperienza del restauro o meglio della valorizzazione e conservazione del messaggio tramandato da una Cultura passata, mi ha permesso di comprendere la sua Virtù.

CÀ D’ORO - VENEZIA

La pavimentazione in mosaico intarsiato è situata all’interno della corte d’accesso alla Galleria Giorgio Franchetti. Collocata in un porticato, permetteva l’accesso principale sito nel Canal Grande. Questa possibilità ha esposto l’Opera nel tempo, ad un degrado sia erosivo dall’acqua marina, che dalla forza stessa delle maree. Il restauro ha consentito di rimediare a questo continuo deterioramento, ma nello stesso tempo è stata l’opportunità per risanare e rialzare la fondamenta della pavimentazione. Un importante dettaglio mi ha affascinato durante la lavorazione; gli Artisti ed Artigiani dell’epoca avevano già pronosticato questo possibile degrado ed avevano lasciato a disposizione per gli operatori futuri alcuni materiali necessari per un ricambio stesso dei moduli o delle tessere del Mosaico. Pertanto si è potuto usufruire sia dell’olio (lino cotto) e dei marmi originari dell’epoca.

Foto

Pavimentazione Cà D’Oro - Venezia: particolare del danno

Pavimentazione Cà D’Oro - Venezia: 2°particolare del danno

Panoramica della Pavimentazione Cà D’Oro - Venezia

Panoramica della Pavimentazione Cà D’Oro - Venezia durante il restauro

2° Panoramica della Pavimentazione Cà D’Oro - Venezia

Dettaglio del Pavimento in Mosaico - Venezia

2° Dettaglio del Pavimento in Mosaico - Venezia

3° Dettaglio del Pavimento in Mosaico - Venezia

Portfolio

CA' D'ORO - VENEZIA CA' D'ORO - VENEZIA CA' D'ORO - VENEZIA CA' D'ORO - VENEZIA CA' D'ORO - VENEZIA CA' D'ORO - VENEZIA
SPIP | modello di layout | | Mappa del sito | Monitorare l'attività del sito RSS 2.0