ARTE CONTRADDITTORIA
Home > Ⓖ INELUTTABILITÀ E REVISIONE DI FRONTE AD UNA REALTÀ DELL’ARTE (...) > ⑴ AUTOREVOLEZZA NEI CONFRONTI DI UN’ARTE DECLINANTE

⑴ AUTOREVOLEZZA NEI CONFRONTI DI UN’ARTE DECLINANTE

martedì 27 marzo 2018, di M. Trentin

Breve Prefazione

Questo articolo, vuole intraprendere un percorso critico, reso necessario in base all’approfondimento che l’Arte Contraddittoria ed in particolare il Pensiero Visivo, si pone in ambito alla realtà del Profondo e del Sensibile. Un approccio in antitesi, individuato nel linguaggio e dalle considerazioni che l’Arte identifica nel presente. Principio letteralmente usurpato ed imposto dal pensiero comune, che impropriamente si è reso interprete.
Avendo ben delineato la possibile conseguenza di questa tendenza, sempre in ambito del linguaggio del sensibile, diventa doveroso cercarne le cause e soprattutto analizzarne gli effetti di tale scelta. L’osservazione mi conduce inevitabilmente ad una esplicita descrizione delle cause. Quindi l’impegno di questi articoli futuri, volgeranno lo sguardo verso queste problematiche, ma nello stesso momento affronteranno un differente approccio al percorso critico di esperienze dell’Arte Contemporanea.

INDAGINE ATTRAVERSO AD UN’INVOLUTIVA INCLINAZIONE AD UN’ARTE SEMPRE PIÙ ESTRINSECA

Nella breve prefazione, ho indicato una precisa presa di posizione nei confronti di un’Arte ormai in declino, sempre nell’ambito dello studio del Sensibile. Naturalmente il significato di "Declino" è forte, ma ciò che intendo sta appunto nel dimostrare di come l’Arte si sia incanalata in un’apertura nei riguardi di un pubblico vasto e completamente poco propenso alla conoscenza del linguaggio profondo e delle sue problematiche. Questa tendenza, porta con se a delle precise conseguenze, che la inducono ad un cambiamento della sua stessa natura, elevandola poi ad un banale frammento che compone ormai la galassia dello spettacolo ed dell’intrattenimento.

L’Apparenza diventa il comportamento sostitutivo dell’essenza del linguaggio dell’Arte, cambiando completamente ogni criterio che induce ad un percorso teoretico. Il primo indizio emerge tramite una attenta Osservazione. Considerazione che indica una precisa azione e perciò anche in questo caso, lo includerei come secondo elemento d’indagine.
Questi primi passi fanno affiorare due indizi che hanno in comune una stessa tendenza: l’Atteggiamento. Non vi è dubbio che questa disposizione, ci accompagna inevitabilmente verso una realtà decisamente psichica ed è in questo contesto che intendo approfondire.

È evidente che questi primi indizi, sottolineano una forma comportamentale dell’essere umano. Ora, questo fatto non può essere associato ad un fattore naturale o di carattere istintivo e non è parte della natura stessa dell’uomo, anzi al contrario, in questo caso l’atteggiamento è frutto di una preciso apparato predisposto per una struttura prettamente sociale. Mettendo bene a fuoco questa constatazione, emerge un fattore che coinvolge un preciso sistema che rientra nella funzionalità organizzativa di una comunità. Approfondendo sempre più, possiamo addirittura constatare che questa funzionalità ha la sua efficacia in non tutte le comunità del globo. Quindi possiamo dedurre che questo modo d’essere deriva principalmente da una causa prettamente culturale. Anche in questo emerge un ingrediente che inevitabilmente indica questa azione, ma che si condensa principalmente ad una specifica funzione, l’Apprendere.

Un ulteriore elemento si aggiunge a questa particolare indagine. Seguendo l’ultimo indizio emerso ed andando sempre più a fondo, si arriva ad una ulteriore considerazione che mette a fuoco un altro possibile elemento, interessato allo scopo. L’Apprendimento è una forma di alimento per la mente, quindi è un fattore prettamente naturale, che coinvolge a suo modo altri sensi. In questo caso, ha una sua specifica collocazione o meglio indirizzo, infatti si basa soprattutto da particolari incidenze che dettano la sua precisa natura. L’Influsso diventa anch’esso parte essenziale che induce i soggetti ad una ulteriore Azione e quindi ad un ulteriore Comportamento.

Concludendo. In questa prima osservazione, affiorano elementi determinanti che specificano l’origine di queste mie considerazioni sulla natura del declino dell’Arte e che qui sintetizzo in un piccolo, ma prezioso schema.

APPARENZA

OSSERVAZIONE ➞ ATTEGGIAMENTO

APPRENDERE

INFLUSSO ➞ COMPORTAMENTO

Diventa doveroso approfondire e specificare ogni singolo elemento, che invitano ad una preciso chiarimento. Delucidazioni essenziali per una precisa presa di posizione, che porta di fatto ad una visione dissonante, ma nello stesso momento propositiva per il Pensiero Visivo.

Rispondere all’articolo

SPIP | modello di layout | | Mappa del sito | Monitorare l’attività del sito RSS 2.0